Acquistare beni tramite internet è una pratica ormai molto diffusa anche nel nostro paese. Ogni giorno sono migliaia e migliaia le transazioni che si consumano con successo tramite la rete. Eppure in Italia vi è ancora una certa diffidenza verso questo tipo di commercio: come mai?

Se pensate che gli italiani sono “arretrati” rispetto alla restante popolazione mondiale, non avete del tutto ragione. Sono infatti innumerevoli i casi di Phishing o truffe varie che possono circolare sul web.

Dietro l’acquisto di una bici la truffa che non ti aspetti…

Un chiaro esempio arriva dal racconto di un ragazzo di Roma che ci ha scritto, spiegando come sia stato truffato online acquistando una bicicletta. Dopo una frettolosa (e superficiale) ricerca in rete, il giovane ha provato ad acquistare un mezzo ad un prezzo stracciato. Risultato? Un centinaio di euro svaniti nel nulla… il ragazzo ha dimenticato probabilmente di seguire queste regole:

 

  • Accertarsi che il sito sia sicuro e attendibile
  • Controllare le eventuali recensioni sparse per il web
  • Essere sempre e comunque prudente

 

Tenendo presente l’utilizzo sporadico che il giovane aveva intenzione di fare del mezzo, poteva usufruire di un servizio affitto bici Roma o dintorni, annullando il rischio. Nel caso avesse voluto acquistare in sicurezza una bicicletta, avrebbe potuto ricorrere a siti più attendibili di quello sconosciuto (e dal prezzo sospetto) a cui si è rivolto.

Le truffe online spaventano i nostri connazionali che si sentono poco tutelati

Non si tratta di un caso isolato: quotidianamente sono moltissime le frodi che riguardano internet e, troppo spesso, la vittima non viene risarcita e il truffatore la fa franca. Le stesse carte (di credito o ricaricabili) danno davvero poche garanzie all’utenza che, soprattutto quella più scaltra ed esperta, si affida sempre di più ai colossi delle vendite online.

A giovare infatti dell’insicurezza dei possibili clienti sono i “pesci grossi”: siti come Amazon infatti, sono una garanzia assoluta per quanto riguarda la velocità di consegna (altro problema che spaventa gli italiani) e soprattutto la sicurezza di non ricevere il proverbiale “pacco”.

Forti di questa posizione però, queste grosse aziende stanno assorbendo o cancellando i seppur volenterosi portali più piccoli che trovano sempre più fatica a mantenere i prezzi competitivi.

Gli italiani e la diffidenza verso gli acquisti online

Potrebbe anche interessarti